Investire oggi

Perché investire oggi conviene? O meglio, quali sono gli investimenti consigliati per l’anno?  Per introdurre il discorso, possiamo immediatamente affermare che Il 2022 è considerato dagli analisti come l’anno giusto per un rilancio dell’economia dopo la crisi data dalla pandemia da Covid-19.

Attualmente, gli avvenimenti in Ucraina e le sanzioni economiche che ne sono derivate possono magari scoraggiare gli investitori e portarli verso atteggiamenti più conservativi, ma in realtà non è così. Gli analisti di Wall Street, infatti, ritengono che il 2022 sia ancora un anno di ripresa e che investire in azioni, ad esempio, è comunque una buona idea. È necessario però farlo in maniera oculata, non soltanto in momenti delicati come questo, ma in generale. 

Far fruttare i propri risparmi tramite investimenti finanziari, invece di tenerli depositati in banca immobili e inutilizzati, è sicuramente un buon modo di utilizzarli, ma non è una attività da prendere alla leggera e sottogamba: ragione per cui sono numerosi coloro che si chiedono “dove e come posso investire oggi?”. 

Per rispondere al seguente quesito, suggeriamo di iniziare a studiare approfonditamente quali sono gli investimenti migliori da fare in un determinato momento, quali possono essere i mercati e i titoli più interessanti, quali quelli da evitare e soprattutto capire qual è la migliore modalità di investimento e il canale da utilizzare.

Come e dove investire nel 2022
Investire oggi: Introduzione ai migliori investimenti 2022

Possiamo subito affermare che il miglior modo di investire i propri risparmi è farlo attraverso piattaforme di trading autorizzate, che abbiano costi di commissione bassi o addirittura assenti e che consentano al trader di formarsi autonomamente tramite strumenti didattici o veri e propri corsi.

Investire ricorrendo alle banche ormai non soltanto è un metodo in disuso, ma è anche poco conveniente in quanto i costi sono sempre piuttosto alti e i guadagni eventuali ne risentono molto. Come scegliere la giusta piattaforma di trading? Su cosa investire? Quale mercato e quali asset fanno maggiormente al proprio caso? Di seguito approfondiremo questi argomenti nel dettaglio.

Investire oggi – Introduzione: 

Dove investire oggi:1- Azioni;
2- ETF;
3- Criptovalute;
4- NFT;
5- Metaverso;
6- Forex.
👌 In quali azioni investire oggi:Leggi la classifica delle migliori azioni da comprare oggi.
🔍Investimenti alternativi:1- Crowdfunding immobiliare;
2- PIR;
3- Diamanti e Gioielli;
4- Opere d’arte;
5- Vini pregiati;
6- Materie prime.
💷 Capitale minimo iniziale: Anche solo 100 EUR
🏦 Quali piattaforme usare:Migliori piattaforme d’investimento (qui l’elenco)
💻 Come iniziare:Seguendo un Corso di Trading
💡 Soluzione per principianti:Copy Trading di eToro (qui info sul servizio)
🤔Conviene?🟢 SI – attenzione alle truffe!
Investire Oggi – Tabella di riepilogo su come e dove farlo

Su cosa Investire Oggi: Classifica Migliori investimenti 2022

Il primo dubbio che intendiamo risolvere nell’immediato riguarda i mercati e gli asset su cui investire nel 2022. Naturalmente, si tratta di una selezione accurata e che deriva da analisi finanziarie condotte da analisti esperti, il cui scopo è indirizzare gli investitori interessati verso investimenti potenzialmente redditizi, grazie alle stime di rialzo previste.

Elenco Migliori investimenti 2022:

📝MERCATO💡TIPOLOGIA DI ASSET🥇COME INVESTIRE
➡️ Azionario La parte del mercato finanziario che permette di negoziare con le azioni.eToro / Trade.com / Capital.com
➡️ ETFExchange Traded Funds, particolari fondi di investimento a gestione passiva.eToro / Trade.com / Capital.com
➡️ CriptovaluteMercato che consente di negoziare con le criptovalute.eToro / Trade.com / Capital.com
➡️ NFTAcronimo per Non Fungible Token, ovvero “gettone non copiabile”. Si negozia con opere non fungibili.Exchange criptovalute
➡️ MetaversoUniverso digitale con molteplici elementi tecnologici tra cui realtà virtuale e realtà aumentata.eToro [MetaVerse Life]
➡️ ForexMercato in cui avvengono le negoziazioni che hanno per oggetto le differenti valute.eToro / Trade.com / Capital.com
Riepilogo migliori mercati per investire oggi e dove sfruttarli

Questi sono alcuni di mercati principali sui quali è possibile operare investendo i propri risparmi. Di seguito li analizzeremo più nel dettaglio singolarmente, in modo che ciascuna tipologia di investitore possa selezionare gli investimenti più convenienti del 2022.

Azioni 

Il mercato azionario è la piazza telematica in cui hanno luogo la maggior parte delle contrattazioni che hanno come oggetto appunto le azioni, ovvero le quote di capitale societario. Nel nostro Paese il marcato azionario si chiama MTA, acronimo che sta per Mercato Telematico Azionario.

C’è da specificare che non è coincidente con la Borsa di Piazza Affari, ma ne è in realtà uno dei segmenti più importanti. A sua volta, l’MTA si suddivide in mercato primario, dove vengono negoziati i titoli di nuova emissione, e mercato secondario dove vengono negoziati i titoli che sono già in circolazione. È chiaro che il mercato azionario non è un luogo fisico in cui avvengono queste compravendite di titoli, ma è un luogo telematico in cui le azioni stesse non rappresentano beni materiali, bensì sono quote delle società presenti in Borsa.

Una ulteriore suddivisione del mercato azionario viene fatta sulla base della capitalizzazione, cioè sulla base del valore dato dal numero di azioni in circolazione per la società in questione moltiplicato per il loro prezzo di mercato. La suddivisione è quindi la seguente:

  • Blue Chip. Qui si negoziano le azioni di 40 società a capitalizzazione maggiore;
  • Mid Cap, dove si negoziano azioni di 60 società sempre ad alta capitalizzazione ma che non rientrano nelle Blue Chip;
  • Small Cap, dove è possibile acquistare le azioni che non fanno parte dei primi due gruppi;
  • Micro Cap, per le azioni delle società che non possiedono i requisiti minimi di liquidità necessari a rientrare nelle categorie precedenti;
  • Star, per società con capitalizzazione compresa tra i 40 e 1.000 mln di euro e alti requisiti di governance, liquidità e trasparenza;
  • MTA International, dove vengono negoziate azioni di società quotate in borse europee.

Ogni investitore ha un diverso capitale alle spalle e una diversa potenzialità di investimento, come è normale che sia. Di conseguenza il modo di comprare azioni sarà differente e rifletterà le possibilità economiche dello stesso.

Si può quindi negoziare con le azioni ordinarie, che vengono possedute da azionisti a tutti gli effetti della società, i quali hanno anche diritto di voto nelle assemblee e profitti che derivano da dividendi e guadagni in conto capitale. Oppure, si può scegliere di negoziare con le azioni di risparmio, che non danno diritto di voto ma garantiscono privilegi come dividendi. Sono queste azioni più adatte ai piccoli investitori, rispetto alle prime che invece sono preferite da investitori di livello più alto.

Naturalmente, una delle modalità più convenienti per approfittare delle previsioni al rialzo per quelle che rientrano tra le azioni da comprare, riguarda l’uso di una piattaforma di trading CFD di qualità come ad esempio la piattaforma di eToro, i cui vantaggi sono, prima di tutto, economici. Inoltre, ricordiamo che con i “Contratti per Differenza“, sarà possibile speculare su un titolo, traendo il meglio anche da eventuali trend al ribasso.

Leggi anche: Migliori Azioni da Comprare

ETF

Il mercato degli ETF permette di negoziare attraverso particolari fondi di investimento, ovvero gli Exchange Traded Funds. Quando si acquista un ETF è come se si acquistasse un paniere di titoli, mettendo in questo modo i propri risparmi insieme a quelli di altri investitori. Il gestore del fondo utilizzerà poi tutti questi risparmi per acquistare gli strumenti su cui si andrà a investire.

Investire in ETF
Investire in ETF per diversificare e contenere i rischi

La particolarità di questo tipo di mercato è gli ETF replicano l’andamento di un determinato indice (benchmark), per cui consentono una diversificazione naturale, proponendosi come dei panieri di titoli appartenenti ad uno specifico settore di mercato, o a precise aree geografiche.

Per fare un esempio, l’ETF su FTSE MIB avrà a fine giornata lo stesso risultato di questo indice borsistico e lo stesso vale ad esempio per un ETF sul prezzo dell’oro. Per fare in modo che ciò avvenga, i gestori degli ETF sono comprano quote degli indici di riferimento che sono chiamati benchmark, ovviamente in maniera proporzionale rispetto alle risorse a disposizione.  

A differenza dei fondi attivi, con i quali il gestore ha ampia discrezionalità nell’acquisto dei titoli per generare profitto, quando si acquista un ETF si conoscono già i prodotti in cui vengono investiti i propri risparmi. Di conseguenza, la performance dell’investimento non dipenderà dalla scelta del gestore ma dall’andamento dell’indice. Questo tipo di investimento sembra essere particolarmente adatto soprattutto ad investitori principianti, in quanto in qualche modo l’investimento stesso viene affidato alle mani più esperte di un gestore.

Inoltre gli ETF presentano una serie di notevoli vantaggi, i quali spiegano le ragioni per i quali rientrano tra i migliori investimenti 2022:

  • Sono estremamente liquidi, quindi è semplice vendere e comprare senza correre il rischio che il valore scenda troppo;
  • Sono molto versatili, in modo che anche i piccoli risparmiatori possano accedere a questo tipo di mercato;
  • Sono efficienti grazie alla gestione passiva dell’investimento, con un costo di gestione che difficilmente supera lo 0,5%;
  • Hanno un alto grado di trasparenza;
  • Sono piuttosto sicuri;
  • È più facile elaborare una strategia multi asset.

Ottima idea per avviare i propri investimenti a basso rischio in ETF è quella di registrarsi gratis presso Capital.com, un broker di qualità con una eccellente selezione di ETF disponibili sulla sua piattaforma.

Criptovalute 

Con il ruolo sempre crescente che stanno assumendo le criptovalute nella vita di tutti i giorni, è chiaro che anche il mercato sul quale è possibile negoziare con le stesse è in continua espansione e attira sempre più investitori.

Per gli esperti del settore e per coloro che comprendono le dinamiche dei mercati appare chiaro che quello delle criptovalute è un mercato molto più complesso rispetto a quello che può sembrare, in quanto è al centro di continue fluttuazioni di valore e repentine inversioni di trend. Attualmente, i risultati delle analisi finanziarie condotte dagli esperti per il futuro sono estremamente promettenti.

Il mercato delle criptovalute sembra infatti essere il più ricco di opportunità tra tutti quelli nati addirittura negli ultimi 20 anni e non è un caso se broker del calibro di eToro hanno strutturato un’offerta convincente su questo asset con più di 120 crypto disponibili per negoziare

Fin dalla sua creazione il problema principale di questo mercato è stata la sicurezza e in particolar modo impedire che circolassero copie di criptovalute non autorizzate. Sono però stati creati ben due sistemi che impediscono che questo accada:

  • È stato creato un registro pubblico in grado di tenere traccia di tutte le transazioni ufficiali portate a termine, in modo tale da effettuare il salvataggio di varie copie delle operazioni che possano essere confrontate e aggiornate costantemente. In questo modo si evitano i double spending, ovvero si evita che si possano acquistare due beni differenti con la stessa transizione di cripto;
  • L’altro sistema di sicurezza va a proteggere proprio questo registro con sistemi di crittografia. 

Attualmente, sono presenti quasi 1.500 valute virtuali e quasi la metà di esse viene scambiata attivamente ogni anno. Ecco perché molti investitori decidono di dedicarsi a questo mercato che sembra destinato a crescere sempre di più nei prossimi anni.

In conclusione, per quanto si tratti di un mercato estremamente volatile e soggetto ad improvvise variazioni di prezzo, i volumi di trading in netto aumento e l’introduzione di crypto sempre più innovative, rendono la scelta di comprare valute digitali una delle più allettanti del 2022.

NFT 

L’acronimo NFT sta ad indicare Non Fungible Token, che non sono altro che dei certificati di proprietà su opere digitali uniche. Sono stati creati proprio per dare vita ad un mercato in cui si attui la compravendita di opere d’arte digitali.

Quando si acquista un NFT il compratore riceve un documento virtuale che prende il nome di smart contract e che attesta il suo diritto di proprietà sull’opera stessa. L’opera viene messa a disposizione online con una sua copia digitale che è in realtà una semplice fotografia o un video. In questo modo tutto potenzialmente qualsiasi cosa può diventare un’opera d’arte digitale.

Attualmente, gli NFT stanno conquistando quasi tutti gli investitori: sembra che tali asset, di cui è stato già riconosciuto il carattere innovativo, siano i più interessanti e predisposti ad una crescita esponenziale per il 2022. 

Metaverso

La parola metaverso evoca nella maggior parte delle persone pensieri futuristici e quasi fantascientifici, o almeno era così fino a qualche tempo fa. Adesso, il metaverso è divenuta una realtà che, per quanto virtuale, è ben presente nella vita di tutti i giorni, tanto da diventare praticamente un nuovo mercato su cui investire i propri risparmi.

Innanzitutto cerchiamo di capire a cosa ci si riferisce precisamente quando si parla di metaverso: il metaverso è un universo digitale risultante da una serie di elementi tecnologici tra cui video, realtà virtuale e realtà aumentata.

Il tutto è sviluppato completamente in digitale e la materia è quindi composta da dati e informazioni che vanno a formare il cyberspazio, alimentato e creato dalle reti globali di comunicazione. Attualmente ci sono tre piattaforme grazie alle quali si può entrare nel metaverso, ovvero:

  • Decentraland, creato su Ethereum, in cui è possibile creare case, parchi e far pagare la visita agli altri utenti. Gli elementi vengono acquistati utilizzando una criptovaluta chiamata MANA;
  • Sandbox, con la sua partnership con Meta e lo stile visivo alla Minecraft;
  • Stageverse, che ha debuttato con un concerto virtuale dei Muse.

Ricordiamo che MANA è una crypto tra le principali offerte dal broker eToro, sempre attento agli asset più innovativi di mercato, come ci mostra la schermata sottostante, presa proprio dalla piattaforma del broker, dove con pochi click è possibile iniziare a investire oggi nel Metaverso.

Decentraland è una Crypto disponibile per l'investimento su eToro
Decentraland è una Crypto disponibile per l’investimento su eToro

Ma in che modo questo universo digitale è riuscito a diventare un mercato su cui investire? La risposta è semplice: nel multiverso è possibile acquistare vere e proprie proprietà virtuali, che possono essere gli stessi NFT di cui sopra o anche degli appezzamenti di terreno virtuale, delle abitazioni, monumenti ecc. L’acquisto di questi beni virtuali produce possibili guadagni in due modi: 

  • Con lo scambio criptovalute legate al metaverso, ad esempio la criptovaluta SAND per il metaverso di Sandbox;
  • Comprando e vendendo NFT liberamente utilizzabili all’interno del metaverso stesso, ad esempio in Sandbox è recente la notizia dell’acquisto di uno yacht per il prezzo di 149 Ethereum, ovvero 600.000 dollari.

Forex 

Il forex è il mercato dove è possibile negoziare con le differenti valute, infatti il nome deriva proprio dall’inglese Foreign Exchange Market. Questo mercato opera grazie ad una rete globale interbancaria che è distribuita sui quattro principali centri di trading ovvero Londra, New York, Sidney e Tokyo in modo tale che possano essere coperti tutti i fusi orari globali.

Una delle caratteristiche principali di questo mercato è la liquidità: il Forex è infatti in assoluto il mercato più liquido al mondo e questo consente ai prezzi di subire in misura minore i movimenti speculativi e di trovare sempre una controparte per effettuare qualsiasi scambio. 

Ad essere scambiate però non sono le singole valute, ma le coppie di valute. Per fare un esempio, non è possibile vendere dollari semplicemente, ma bisogna invece vendere dollari e comprare allo stesso tempo un’altra valuta, come ad esempio l’euro. Lo scambio euro/dollaro viene indicato EUR/USD: la valuta alla sinistra è indicata come valuta principale o di base, mentre quella alla destra è la valuta secondaria o controvaluta.

L’euro, in questo caso, viene acquistato o venduto ottenendo in cambio di una determinata quantità di valuta secondaria in dipendenza del tasso di cambio applicabile. È possibile scambiare qualsiasi coppia di valute virtualmente, ma in realtà ci sono delle coppie che riescono ad attrarre un volume di scambi maggiore e sono per questo dette coppie maggiori.

Queste infatti da sole rappresentano oltre l’80% degli scambi complessivi che avvengono sul mercato valutario: tra i migliori investimenti di oggi, gli esperti suggeriscono di puntare ad un paio di coppie major, da combinare con delle coppie minori, così da equilibrare il proprio wallet e L’alta disponibilità e liquidità fa in modo che le condizioni di trading su queste coppie siano particolarmente vantaggiose.

Gli esperti ritengono che investire sul mercato Forex nel 2022 potrà rivelarsi una scelta profittevole soprattutto se si prediligono strategie di breve termine, attuando operazioni speculative grazie ai broker CFD come Trade.com, coi quali poter approfittare anche di eventuali – ma non inattesi- trend al ribasso.

Dove Investire Oggi: migliori piattaforme consigliate

Per avere un’idea più chiara di come investire oggi, abbiamo deciso di proporre una selezione delle migliori piattaforme di trading. Ciò significa che si potrà scegliere tra i broker più affidabili, competenti e professionali del settore, i quali offrono un accesso rapido ed immediato ai principali mercati consigliati per investire oggi.

eToro

  1. Copia trader migliori
  2. Staking criptovalute
  3. Smart Portfolios

Con eToro puoi copiare le posizioni dei migliori trader, investire in portafogli intelligenti ed ottenere auto-ricompense.

Inizia ora

Capital.com

  1. Intelligenza Artificiale
  2. MT4 & TradingView
  3. Segnali Trading Central

Capital.com è il broker ideale per fare trading intelligente ed investire automaticamente su oltre 4.000+ assets.

Inizia ora

FP Markets

  1. Social Trading
  2. BOT e Trading Automatico
  3. Spread da 0 pips

FP Markets è il broker ideale per chi vuole fare trading algoritmico, avere spreads bassi e fare trading con BOT.

Inizia ora

IQ Option

  1. Deposito soli 10€
  2. Trade minimo da 1€
  3. Indicatori analisi automatici
 

IQ Option è ideale per chi vuole iniziare il trading con piccolissime somme. Piattaforma veloce ed intuitiva in perfetto stile "gaming".

Inizia ora

Trade.com

  1. Segnali Trading
  2. MetaTrader 4 / 5
  3. Corsi personalizzati

Trade.com piattaforma perfetta per formazione gratis, segnali trading e auto-trading con MetaTrader.

Inizia ora

Tra le piattaforme di trading migliori troviamo sicuramente Capital.com (visita qui la piattaforma), broker multi-asset i cui servizi vengono forniti a prezzi estremamente competitivi. La piattaforma è molto intuitiva e semplice da utilizzare anche per chi non ha ancora molta esperienza nel settore e muove i suoi primi passi nel mondo del trading online. Importante è anche la sezione formativa di Capital.com, in cui troviamo strumenti molto utili come il summenzionato conto demo. In questo modo la formazione del trader sarà completa e incentrata soprattutto sulla pratica, che è fondamentale in questo tipo di attività.

Altra piattaforme degna di attenzione è Trade.com (sito ufficiale qui), che offre ai propri trader la possibilità di accedere a corsi di formazione gratuiti e personalizzati, basati sul grado di preparazione di base dell’investitore stesso. Altro importante servizio, che ha tra le altre cose in comune anche con Capital.com, sono i segnali di trading. In questo modo si riceveranno notifiche ogni volta che accade qualcosa di importante sui mercati o in relazione ai propri investimenti e si riuscirà ad avere un controllo più completo e diretto su di essi.

Riepilogo migliori servizi offerti dai broker:

🔍 BROKER 👍 SERVIZIO
🏆 eToroCopy e Social Trading; Staking criptovalute; Smart Portfolios
🏆 Capital.comIntelligenza artificiale; Segnali Trading Central; MT4 & TradingView
🏆 Trade.comCorsi personalizzati; MetaTrader 4/5; Segnali di Trading
Riepilogo servizi proposti dai migliori broker per investire oggi

Investire oggi con eToro

eToro (vai qui per il sito ufficiale) è in assoluto una delle piattaforme di trading più utilizzate al mondo, grazie alla competenza e all’importanza mostrata verso il percorso finanziario dei propri utenti.

eToro logo
Investire oggi con il top broker eToro

Con il broker eToro è possibile operare con il Copy Trading, strumento estremamente comodo e con valenza didattica per coloro che sono ancora alle prime armi. Con il Copy Trading, infatti, è possibile copiare in tutto e per tutto la strategia di investimento di un Top Investor, ovvero di un investitore esperto del settore. In questo modo è possibile non soltanto formarsi prestando attenzione a quali siano i movimenti compiuti da questi trader, ma si riduce anche il rischio di errori dovuti all’inesperienza.

Altro grande pregio di questo broker online è il fatto che i prezzi e i costi di commissione sono molto bassi e per, se si decide di comprare determinate azioni in DMA, sono addirittura assenti. Infine, va aggiunto che con eToro è possibile utilizzare un conto demo gratuito in maniera illimitata (aprilo gratuitamente qui), muovendosi sui mercati prima ancora di cominciare il vero investimento con i propri risparmi.

Dove investire nel 2022: Migliori soluzioni alternative al trading online

Possiamo proseguire con un elenco dei migliori investimenti dell’anno, i quali si propongono come valide alternative al trading online. A nostro avviso, una soluzione non esclude l’altra: investitori dinamici e attenti a non lasciarsi scappare le migliori opportunità di profitto, sono sempre più convinti che diversificare i propri investimenti è uno step fondamentale per evitare rischi troppo elevati.

Per questa ragione, abbiamo deciso di presentare brevemente delle soluzioni per investire oggi, adatte anche a coloro che dispongono di piccole somme:

👍 DOVE INVESTIRE💱TIPOLOGIA DI INVESTIMENTO
➡️ Crowdfunding immobiliarePermette di partecipare al finanziamento di un progetto immobiliare residenziale o commerciale con una raccolta fondi online.
➡️ Piano di risparmio individualeStrumenti di investimento di medio e lungo periodo per le persone fisiche che permettono trattamenti fiscali agevolati.
➡️ Opere d’artePermette di coniugare la stabilità di un investimento sicuro con il bisogno di abbellire la propria casa.
➡️ Diamanti/gioielliRappresentano il bene rifugio per eccellenza e permettono di accantonare temporaneamente il proprio investimento in un bene mobile di piccole dimensioni
➡️ Vini pregiatiBene rifugio emergente che attira sempre più investitori e appassionati del genere.
Migliori soluzioni 2022 per investire oggi

Crowfunding immobiliare

Il crowfunding immobiliare ha permesso praticamente a chiunque di entrare a far parte del mondo degli investimenti nel mattone. Storicamente ,infatti gli investimenti in immobili sono sempre stati accessibili ad una fetta limitata di persone che avessero la possibilità di immobilizzare una parte molto consistente del proprio capitale e che avessero anche modo di gestire l’immobile, spendendovi tempo e risorse. Gli investimenti immobiliari sono inoltre poco liquidi per definizione ed hanno una possibilità limitata di diversificazione.

Il crowfunding immobiliare permette invece di anche ad investitori meno abbienti di entrare in questo ambito. Con questa modalità di investimento, infatti, è possibile partecipare al finanziamento di un progetto immobiliare, sia esso residenziale o commerciale, ottenendo in cambio una remunerazione del capitale. Il tutto viene fatto attraverso appunto un crowfunding, ovvero una raccolta fondi online da parte di più investitori.

Il progetto può essere relativo all’acquisto di un immobile per metterlo a reddito oppure alla ristrutturazione di una proprietà, anch’essa messa poi a reddito o venduta con plusavalenza, o a sviluppi di progetti greenfield o ancora può riguardare una infrastruttura.

È possibile partecipare a questi investimenti con bassi importi di denaro e allo stesso tempo diversificare il proprio portafogli. Infatti, abbassando il capitale necessario al singolo investimento si ha la possibilità di investire in più progetti e quindi di massimizzare le eventuali rendite. La gestione dell’immobile inoltre è in questo caso delegata al promotore del progetto, facendo risparmiare tempo e denaro al piccolo investitore.

Ciò non toglie però la possibilità di avere pieno controllo diretto sul proprio investimento e di potersi confrontare, in qualsiasi momento, con i promotori del progetto, al fine di monitorare costantemente il rapporto rischi/profitti che, anche in questo caso, si rivela necessario se si vogliono limitare eventuali perdite.

Sulla base di quanto abbiamo appena affermato, appare facile intuire che il crowdfunding immobiliare è tra le novità di investimento più appetibili del 2022, anche se si tratta di una scelta che si è diffusa già durante il 2020/21.

Piani individuali di risparmio (PIR)

I PIR sono strumenti di investimento adatti per approcci di medio e lungo periodo, riservati alle persone fisiche. Offrono, prima di tutto, il diritto a trattamenti fiscali agevolati laddove vengano rispettate alcune condizioni e limitazioni previste dalla legge che riguardano la composizione del portafogli e la durata dell’investimento.

I PIR sono mirati a collegare i risparmi dei privati con gli investimenti delle imprese, al fine di migliorare le opportunità di rendimento sia per entrambi i soggetti, che in questo modo riescono ad ottenere risorse finanziarie per investimenti a lungo termine. Il tutto, inoltre, permette lo sviluppo dei mercati finanziari. Questi piani possono essere costituiti da persone fisiche residenti nel territorio dello Stato italiano che però abbiano dei requisiti importanti:

  • Non devono avere più di un piano di risparmio.
  • Non devono condividere il piano con altre persone fisiche, indipendentemente dall’età, in quanto anche un minorenne può essere il solo titolare di un PIR.

I propri risparmi possono essere investiti in diversi strumenti finanziarie con metodologie di investimento differenti. Si possono infatti amministrare titoli, gestire portafogli, sottoscrivere quote o azioni di un OICR PIR conforme, stipulare contratti di assicurazione sulla vita o di capitalizzazione PIR conforme, ecc. Per farlo ci si può rivolgere a intermediari abilitati, imprese assicurative residenti in Italia o anche non residenti che operino però nel territorio dello stato tramite organizzazione stabile o in regime di libera prestazione dei servizi.

Opere d’arte

Negli ultimi 10 anni il giro d’affari di questo mercato, seppur decisamente particolare, ha visto una forte crescita, anzi si può dire che sia addirittura raddoppiato, passando da circa 35,9 miliardi di euro a circa 63,8 miliardi di euro.

Sembra quindi che fare investimenti in opere d’arte sia diventato un vero e proprio trend nel 2022, oltretutto alla portata di tutti e non più appannaggio soltanto delle personalità più abbienti ed estrose.

Basti pensare che nel 2017 è stata venduta un’opera di Leonardo da Vinci per la cifra di 450 milioni di USD, il che dimostra quanto il mercato sia attualmente rinforzato e quale sia la portata della spinta agli investimenti in questo campo.

Gli investimenti in opere d’arte sono, naturalmente, da prendere in considerazioni per ottenere profitti sul lungo termine: una volta acquistata l’opera, è naturale attendere che il valore salga per piazzarla nuovamente sul mercato. Inoltre, per inserirsi su questo specifico mercato si deve entrare in un‘ottica di diversificazione del proprio portafogli di investimenti, inserendo le opere d’arte nel contesto dei beni rifugio.

Ci sono due tipo di mercato di opere d’arte a cui si può avere accesso:

  • Il mercato primario dell’arte, che permette di acquistare quadri o opere direttamente dagli artisti. Per farlo è necessario avere una minima preparazione in campo artistico, in modo tale da riconoscere il valore sia dell’opera d’arte che dell’artista scelto, cercando di prevederne allo stesso tempo il potenziale valore futuro. 
  • Il mercato secondario dell’arte, in cui si acquistano opere di seconda mano, ovvero si compra da gallerie d’arte, case d’asta o mercanti di arte. È consigliabile cominciare da questo mercato per chi ha meno esperienza nel settore, in modo tala da farsi qualche idea in più conoscendo le opere e gli artisti più approfonditamente.

Diamanti o gioielli

Quando si investe in diamanti o gioielli preziosi si sceglie di accantonare temporaneamente una parte del proprio capitale investendolo su un bene mobile id piccole dimensioni e di non utilizzarla almeno per i prossimi 5 o 10 anni.

In questo modo, si difende il proprio investimento da inflazione e svalutazione, nonché da influenze politiche, calamità naturali e quant’altro. Con questo tipo di investimento si fa in modo anche di eliminare qualsiasi tipo di tentazione speculativa, in modo tale da garantirsi una specie di assicurazione sulla vita ma in qualche modo fruibile e godibile.

Il capitale così costituito ha un valore molto alto per unità di volume ed è inoltre relativamente stabile, anzi ha una tendenza alla crescita piuttosto costante.

La quotazione dei diamanti è infatti destinata ad aumentare naturalmente in conseguenza del progressivo calo delle produzione. Basta guardare al passato e si noterà che l’unica inflazione registrata dai diamanti si è avuta negli anni 80, mentre per tutto il resto del tempo c’è stata una costante crescita che negli ultimi 15 anni ha reso in media 1,5-2% sopra l’inflazione.

I beni rifugio come questi sono inoltre, per definizione, gli investimenti migliori da fare nei periodi di crisi come quelli che si stanno vivendo in questi ultimi anni.

Non sono inoltre influenzati in nessun modo da fattori politico-valutari e in più è un bene trasportabile e liquidabile in tutto il mondo, anche in situazioni politiche e sociali difficili. Il fatto inoltre di avere sottomano, fisicamente, i propri risparmi da un maggiore controllo degli stessi. 

Vini pregiati

Negli ultimi anni i vini di lusso e pregiati non sono più soltanto l’interesse degli intenditori e dei degustatori professionisti, ma sono diventati un vero e proprio bene rifugio a cui guardano con notevole interesse molti investitori.

Il valore di questi beni è cresciuto addirittura del 147% negli ultimi dieci anni, con un rendimento medio stimato del 10,46% all’anno negli ultimi 3 anni. È però un mercato che ha avuto una crescita per così dire verticale, in quanto non è molto accessibile per i piccoli investitori.

mercato vino crescita 2019
Valori in crescita mercato dei vini pregiati 2004/2019

Nel nostro paese ,questo mercato è decisamente in crescita. Fino al 1986 in Italia non c’erano molti vini con una continuità stilistica e qualitativa ben definita, mentre ad oggi l’Italia è al terzo posto nell’indice Liv-ex come Paese più “scambiato”, dopo Bordeaux e Borgogna. Più del 50% delle quote hanno una predominanza toscana, grazie ai Supertuscan che hanno saputo evolversi verso la modernità, a cui vanno affiancate anche etichette come Brunello e Chianti Classico. Il 40% del mercato è invece in mano al Piemonte con il Barolo, mentre il restante 10% è distribuito nelle altre regioni.

Le motivazioni appena presentate sembrano confermare che, per investitori italiani alla ricerca dei migliori mercati e prodotti su cui investire i propri risparmi nel 2022, i vini pregiati possono rappresentare un’ottima alternativa, da cui ottenere benefici personali sul medio/lungo periodo.

Come investire oggi online

Attualmente il modo migliore per far fruttare i propri investimenti, soprattutto se si è un piccolo investitore, è farlo tramite il trading online, ovvero tramite l’acquisto e la vendita di beni finanziari via internet.

Ciò è stato reso possibile nel tempo dall’introduzione delle piattaforme di trading online, che hanno reso accessibile questo mondo praticamente a chiunque abbia a disposizione una accesso ad internet. Possiamo affermare che il trading online è davvero uno strumento aperto a tutti: le commissioni sono infatti basse, o addirittura assenti.

Inoltre, si può avere access gratuito e illimitato a quotazioni e grafici in tempo reale, alle analisi tecniche degli esperti e a tutti gli strumenti necessari al trader per compiere al meglio i propri investimenti. 

Ma il trading online è quindi da considerare come una formula magica che è in grado di far diventare chiunque un grande investitore in poco tempo, con grossi guadagni e poco sforzo? Assolutamente no, anzi approcciare a questo mondo con questa mentalità è la ricetta perfetta per un fallimento e per una grossa perdita di denaro e tempo.

Il trading online è un’attività a suo modo complessa e delicata, che ha dunque bisogno di una certa preparazione e un tempo di formazione adeguato prima di potervisi dedicare e pieno ritmo e con successo. Ecco perché molte piattaforme di trading offrono la possibilità al trader di formarsi autonomamente grazie a una serie di servizi e di strumenti offerti nella maggior parte dei casi in maniera completamente gratuita.

Parliamo ad esempio dei conti demo, che sono conti virtuali che permettono di simulare in tutto e per tutto dei veri e propri investimenti e che consentono quindi di fare molta pratica prima di mettere in gioco i propri risparmi. O anche di veri e propri corsi di formazione (come quello di Trade.com), completi di lezioni online e in alcuni casi anche dal vivo, ebook gratuiti e molto altro.

Importante, a questo proposito, è diffidare da corsi che promettono grandi risultati in cambio di rette molto esose da pagare. I migliori corsi di formazione sono infatti proprio quelli offerti gratuitamente dalle piattaforme di broker, gli altri invece possono rivelarsi delle vere e proprie fregature.

Con la giusta preparazione, il trading online è adatto a chi vuole investire in autonomia e senza impiegare cifre troppo alte nell’investimento: non a caso, sembra che sia la modalità più popolare per investire oggi, diffusa sia tra investitori esperti che tra piccoli trader retail ancora alle prime armi.

Dove NON Investire nel 2022

È chiaro quindi quali sono gli investimenti maggiormente consigliabili e redditizi da fare nel 2022, ma quali sono invece quelli da evitare in quanto poco fruttiferi o addirittura deleteri?

🏦Tipologia Investimento⛔Problematica
Banche Costi di commissione molte elevati
Fondi comuniPoco affidabili
Buoni fruttiferi postaliBasso rendimento
Investire oggi: investimenti sconsigliati 2022

Investire con le banche

Gli investimenti con le banche sono ormai quasi del tutto superati. In passato questo era un metodo molto utilizzato per investire in borsa, in quanto le banche fungevano da intermediario quando l’unico modo di investire era rivolgersi ad un broker esperto. Adesso però sono un metodo di investimento completamente da evitare.

I tassi di rendimento sono praticamente prossimi allo zero ma non è tutto, infatti i costi di commissione applicati dalle banche sono estremamente proibitivi e vanno a vanificare gli investimenti. Nulla a che vedere dunque con le piattaforme di trading, il cui punto forte sono appunto i costi di commissione bassi e accessibili praticamente a tutti.

Investire con i fondi comuni

Quando si inizia a considerare di investire sui mercati finanziari molte persone cominciano a chiedersi se investire in fondi comuni sia ancora una buona idea. Possiamo dire attualmente i fondi comuni sono agli ultimi posti nelle classifiche per affidabilità degli strumenti finanziari e ciò vale sia per i fondi obbligazionari che per quelli azionari: questo perché il rischio di default appare molto alto.

 I fondi comuni sono gestiti dai gestori e vengono depositati presso le banche, ma non sono fondi statici in quanto dopo essere stati attivati questi vengono impegnati nelle speculazioni sui mercati finanziari. Questo dà loro un potenziale di rendimento, ma è molto facile che in questo modo ci si imbatta in titoli tossici e avere il controllo di sistemi così complessi è molto difficile.

Investire con i buoni fruttiferi postali

Anche i buoni fruttiferi postali sono ormai diventati degli investimenti da evitare a fronte di altri molto più convenienti e redditizi. Hanno infatti numerosi punti deboli e il primo in assoluto è il basso rendimento. Il ricavo finale di questo tipo di investimento è considerevolmente più basso rispetto ad altri strumenti finanziari presenti sul mercato.

La regola di base è sempre la stessa: maggiore è il rischio che l’investitore è disposto a correre e maggiore sarà il guadagno. I buoni fruttiferi sono un investimento piuttosto per nulla stressante da un punto di vista pratico, ma anche psicologico, anche se si considera che il guadagno è molto basso (se non pari a 0) e arriva soltanto dopo un periodo di tempo molto lungo.

Investire oggi senza rischi: è davvero possibile?

Una delle cose più importanti da sapere quando si sceglie di cominciare ad investire è che si deve tenere conto non soltanto degli asset su cui si vuole investire, ma anche della propria condizione economica di partenza e della conseguente propensione al rischio che si vuole correre.

Quest’aspetto è anzi qualcosa di fondamentale da dover considerare: non bisogna assolutamente mai fare il passo più lungo della gamba in questo ambito, poiché si rischia di incorrere in errori a cui difficilmente potremmo riparare. A differenza del rendimento di un investimento, che è una grandezza precisamente misurabile, il rischio finanziario è un parametro soggettivo. Possiamo definire il rischio come la quota di incertezza intrinsecamente associata ad una attività finanziaria.

Quando si parla di rischio, per un investitore si fa riferimento al livello di disponibilità con cui è pronto ed è in grado di accogliere perdite patrimoniali dovute alle oscillazioni fisiologiche del mercato o al fallimento di un determinato strumento finanziario. Ancora più semplicemente, può indicare quanto l’investitore è disposto a sopportare che i propri risparmi non solo non siano più disponibili in quanto investiti, ma anche soggetti alla variabilità di molteplici fattori che possono andare a modificare i risultati che vengono prefissati.

Infografica sul rapporto rischio/rendimento negli investimenti
Infografica sul rapporto rischio/rendimento negli investimenti

È importante tenere presente che non esiste nessun investimento completamente scevro da qualsiasi rischio. Ci sono, però, investimenti che possono essere considerati a basso rischio e sono quelli che hanno un andamento abbastanza prevedibile con un certo anticipo e con un certo margine di certezza. Investimenti di questo tipo riescono a garantire un certo flusso monetario di ritorno, ma spesso non è altissimo e non è ottenibile sul breve termine.

Invece, investimenti ad alto rischio hanno ampi margini di variabilità e spesso non possono garantire neanche all’investitore di recuperare quanto investito. Sono però in grado di generare guadagni più alti. Quindi è chiaro che scegliere che tipo di approccio avere in questo senso dipende in gran parte dalle risorse dell’investitore e da quanto è disposto a rischiare.

Come fare a comprendere quali sono gli investimenti meno rischiosi ma comunque abbastanza redditizi in questo periodo storico? Bisogna innanzitutto dare un’occhiata a qual è la situazione politica ed economica attuale. Con la nascente guerra in Ucraina e le sanzioni che l’Occidente sta imponendo alla Russia, la situazione economica mondiale sembra prendere una piega piuttosto complessa.

Nonostante questo, gli esperti di finanza sono ancora convinti che il 2022 possa essere un anno di ripresa economica rispetto ai precedenti. Ecco perché in un periodo complesso come quello attuale la cosa migliore è investire in beni rifugio e in materie prime. Parliamo ad esempio di oro, petrolio, argento e, in linea generale, la totalità delle materie prime.

Sono beni che hanno una volatilità giornaliera che li rende piuttosto interessanti, anche se presentano sempre una quota di rischio, si rivelano attraenti anche per operazioni estese nel tempo se si riescono a sfruttare le caratteristiche specifiche di ogni commodity.

Dove e come investire oggi a basso rischio

Riprendendo il discorso appena concluso, abbiamo deciso di approfondire la questione, proseguendo con le materie prime da tenere d’occhio nel 2022:

1 – Investire oggi in oro: miglior asset a basso rischio

L’oro è la materia prima preferita dagli investitori più tradizionalisti in quanto rappresenta il bene rifugio per eccellenza. È infatti il bene che cresce più di ogni altro nei momenti di crisi e che riesce a rimanere stabile anche nei momenti di tranquillità politica ed economica.

L’oro è considerato, dal punto di vista di diversi esperti, non un reale investimento, ma addirittura una strategia di tutela del proprio capitale: ecco perché investire in oro con piattaforme di trading autorizzate rende non soltanto il portafoglio azionario più variegato, ma protegge in qualche modo anche da grosse perdite andando a bilanciare tipi di investimento più rischiosi.

Nell’immagine che segue notiamo l’andamento dell’oro nel 2022. Il grafico preso dal conto gratuito e illimitato del broker eToro, mostra il comportamento da bene rifugio dell’oro. Questo indica che si tratta di un perfetto bene per chi non intende correre rischi finanziari.

Investire in oro 2022
Crescita valore oro 2022

Dal grafico sottostante è facile intuire come nel mese di Marzo, che è sicuramente stato piuttosto complesso per l’economia mondiale, l’oro ha proseguito con una tendenza rialzista, presentando una macrotendenza in crescita se analizziamo il percorso sul lungo termine.

2 – Investire oggi in petrolio: asset a basso rischio per gli esperti 

Anche il petrolio è una commodities molto apprezzata dai trader. Risulta necessario chiarire che può essere infatti una fonte di buoni guadagni, ma è necessario tenersi sempre informati sulle manovre dei paesi dell’OPEC e più in generale riguardo quelli che estraggono e raffinano il cosiddetto oro nero. Importante è anche l’analisi dei fondamenti macro economici e dei flussi di investimento.

Anche in questo caso il grafico fornito dall’ottimo broker eToro, ci mostra le oscillazioni del petrolio sul breve termine piuttosto semplici da sfruttare per chi ha esperienza di mercato.

Investire in petrolio nel 2022
Investire in petrolio: analisi di tendenza 2022

È consigliabile che a investire nel petrolio, però, siano soprattutto trader più esperti e non alle prime armi. Anche in questo caso vediamo nel grafico che il petrolio ha avuto un andamento molto simile a quello dell’oro.

3 – Investire oggi in argento: la scelta di difficoltà intermedia

L’argento è un ottimo investimento per chi desidera inserire le materie prime nel suo portafoglio azionario per diversificarlo il più possibile. È sempre stato un metallo tenuto in buona considerazione sui mercati e il suo impiego è sempre più in espansione, considerando anche il fatto che viene utilizzato anche nel comparto elettronico e dell’hi-tech.

Il grafico molto chiaro preso sempre dalla piattaforma di eToro, ci mostra un andamento laterale di mercato in un corridoio tra i 21 e i 26$. Segno che è possibile sfruttare bene queste oscillazioni senza grandi rischi grazie agli strumenti offerti proprio da broker come eToro.

Analisi andamento argento 2022
Investire oggi in argento: andamento della Commodity 2022

L’argento, rispetto al petrolio e all’oro, è una materia prima molto più disponibile, per cui il rapporto domanda/offerta è perlopiù sempre in equilibrio. Il grafico mostra delle frequenti variazioni di prezzo dell’argento sul medio periodo, sintomo di livelli di volatilità giornaliera elevati.

Pertanto, gli analisti suggeriscono di puntare a materie prime come l’argento per conferire liquidità al proprio wallet e per tentare di tenere a bada il solito rapporto rischi/profitti.

Investire oggi da principianti: 5 consigli pratici per iniziare

Prima ancora di scegliere su quale mercato investire e con quale modalità farlo, è importante, soprattutto per i principianti, organizzare in maniera sistematica le proprie strategie e il proprio operato. Solo in questo modo sarà infatti possibile fronteggiare anche i momenti di difficoltà senza perdersi d’animo e senza trovarsi impreparati. Ecco quali sono i punti fondamentali che un trader alle prime armi deve prendere in considerazione per non sbagliare:

1 – Costruire un proprio metodo

A seconda degli investimenti che si vogliono fare si può decidere se mettere in atto una strategia a breve, medio o lungo termine. Questa scelta dipende da quanto tempo si vuole concedere al proprio investimento per ottenere dei profitti dallo stesso, in dipendenza anche dal proprio patrimonio di partenza e dalla disponibilità economica.

2 – Pianificare un proprio piano di investimento

Sapere sempre cosa fare e darsi delle regole ben precise da seguire può essere molto importante soprattutto nei momenti in cui si devono incassare delle perdite. Infatti è proprio in questi momenti che l’emotività potrebbe giocare brutti scherzi, facendo perdere la lucidità all’investitore inesperto e mettendolo a rischio di gravi errori. Una tabella di marcia ben congegnata protegge da questo pericolo.

3 – Avere una buona formazione

Come già accennato in precedenza, una buona formazione è la chiave del successo per un trader. Bisogna innanzitutto preferire i corsi di formazione gratuiti, in particolare quelli offerti dalle stesse piattaforme di trading che si vogliono utilizzare, e bisogna concentrarsi soprattutto sulla pratica. Sono quindi importanti i corsi, gli ebook, i webinar e simili, ma altrettanto importanti sono gli strumenti che permettono al trader di esercitarsi, come ad esempio i conti demo gratuiti (come quello di qualità offerto da Capital.com) che sono ottimi per simulare un investimento in ogni sua parte senza però mettere a rischio i propri risparmi.

Potrebbe interessarti leggere anche: Migliori corsi trading

4 – Affidarsi ad analisi tecnica e fondamentale

La maggior parte delle piattaforme di trading migliori offre ai propri utenti la possibilità di accedere non soltanto ai grafici in tempo reale, ma anche alle analisi svolte dagli esperti su determinati asset. In questo modo e osservando attentamente i movimenti politici ed economici del proprio tempo, si potranno fare le giuste previsioni e strategie per i propri investimenti.

5 – Scegliere investimenti a basso o alto rischio

Come abbiamo detto più sopra, gli investimenti a basso rischio sono per definizione più sicuri di quelli ad alto rischio, ma offrono anche un guadagno in prospettiva molto inferiori rispetto a questi ultimi. Bisogna che il trader decida a quale rischio vuole esporsi.

Grazie a tali dritte, sarà possibile identificare più facilmente quali sono gli investimenti migliori dell’anno a cui affacciarsi tenendo conto del proprio capitale, delle proprie abilità e degli obiettivi finanziari che intendiamo raggiungere.

Investire oggi opinioni: Il parere degli esperti

Secondo gli esperti, il 2022 è un anno che può offrire numerosi spunti di ripresa per l’economia e anche diverse opportunità di investimento. Tra gli asset più classici e maggiormente gettonati dagli investitori più esperti ci sono, ad esempio, le azioni value, ovvero le azioni di valore.

Sono le azioni che appartengono a società piuttosto stabili e rinomate che sono quotate in borse e che hanno un rapporto price/earning abbastanza vantaggioso. Infatti, nonostante l’investimento potrebbe essere ripagato in tempi un po’ lunghi, il guadagno che se ne ottiene può essere considerato quasi sicuro, per quanto questa sicurezza nel mondo degli investimenti non è mai al 100%. 

Altro investimento consigliato dagli esperti è quello in start-up. Infatti con questi investimenti sono previste incentivi e agevolazioni fiscali, che sono già di per sé degli ottimi pro, ma non solo. Il profitto investendo in start-up è potenzialmente più alto di molti altri strumenti finanziari, anche se c’è da assumersi qualche rischio in più in quanto le start-up, per definizione, sono delle realtà emergenti e il loro successo non è assicurato.

Investire Oggi con il Value Investing: è la tattica di Warren Buffett
Investire Oggi con il Value Investing: è la tattica di Warren Buffett

Con questo tipo di investimento si contribuisce inoltre alla crescita e allo sviluppo di queste piccole realtà, del mondo del lavoro e in generale del nostro Paese. Poiché come abbiamo detto questi sono investimenti un po’ rischiosi, è bene inserire l’investimento in start-up in un portafoglio azionario ben diversificato.

Se guardiamo alla situazione attuale dell’economia mondiale e all’inflazione in aumento in Europa in conseguenza degli ultimi sviluppi sul fronte della guerra e della politica internazionale, diventa chiaro che questo è anche il momento ideale per poter investire su materie prime, beni rifugio come l’oro sopracitato e verso il mercato immobiliare.

Questi sono infatti asset considerabili, appunto, un bene rifugio, in questo periodo molto incerto per l’economia e fanno da protezione del portafoglio azionario nel momento in cui gli altri asset subiscono delle perdite andando in qualche modo ad ammortizzarle. Accanto a questi investimenti classici e che tanto sono amati dagli investitori più tradizionalisti, ci sono quelli più futuristici, che guardano in avanti, come ad esempio il metaverso

Questa è una realtà in continua espansione, che ha soltanto cominciato a far capolino nelle nostre vite e che è destinata ad una crescita che già da ora sembra profilarsi esponenziale: ecco perché accedere al multiverso e cominciare a costruire la propria realtà virtuale di investimenti è un’ottima idea.

Guardando sempre al futuro, i campi che sono anch’essi destinati ad una costante crescita sono sicuramente quelli dell’intelligenza artificiale, che in qualche modo va anche di pari passo con il metaverso e simili ma anche con lo sviluppo di tecnologie sempre più avanzate, e anche e soprattutto il campo delle energie rinnovabili. Con l’impennata dei prezzi di gas e petrolio a causa della crisi russo-ucraina, la corsa allo sviluppo di energie rinnovabili ha avuto una grossa accelerata e quindi non è difficile prevedere che gli investimenti in questo campo possono essere in crescita nel futuro prossimo. 

Considerazioni Finali

È vero che l’economia mondiale sta cambiando in maniera molto radicale e veloce in questo periodo, ma ciò non vuol dire che non si possa investire in un momento storico come questo: anzi, abbiamo già elencato quelli che possono rivelarsi i migliori investimenti del 2022.

Bisogna soltanto essere in grado di comprendere questi cambiamenti e stare al passo con essi, sapendosi muovere in questo ambito. Per farlo, l’unico modo è avere la giusta preparazione data dai corsi di formazione e i giusti strumenti, ovvero quelli forniti dalle migliori piattaforme di trading. La padronanza di questi strumenti potrà essere acquisita soltanto col tempo, lo studio e la pazienza di ottenere i risultati sperati.

FAQ – Investire oggi: Domande e risposte Frequenti

Qual è il modo migliore per investire oggi?

Attualmente il modo migliore di investire sui mercati è farlo attraverso il trading online, optando per delle piattaforme di trading sicure ed affidabili. In questo modo, accederemo ai principali mercati finanziari, godendo di costi e commissioni contenuti e strumenti di supporto per l’analisi finanziaria necessaria in fase di pre-investimento.

Quali sono i mercati su cui investire nel 2022?

Oltre ai mercati tradizionali come quello delle azioni e delle materie prime, attualmente conviene investire anche su realtà futuristiche ed emergenti come il metaverso, gli NFT e, naturalmente, le criptovalute.

Conviene investire nel 2022?

Secondo le stime degli esperti, investire nel 2022 potrebbe risultare conveniente da diversi punti di vista. Infatti, ci sono mercati finanziari e specifici beni destinati ad una crescita esponenziale di cui poter beneficiare sia sul breve che sul lungo periodo.

Lascia un commento